Meta-Moro-Lp. Parliamo di cappelli e di capelli


La musica di Ermal Meta mi piace, è bravo. Ha una voce con potenzialità che forse solo Sanremo ha messo in luce, ha ampi margini artisti per esprimersi, ma vogliamo parlare due minuti, solo due, del suo brano vietato morire e soprattutto del video?
Il brano è bello, si ascolta e si memorizza facilmente, un pezzo che piace e che si può trasmettere tranquillamente in radio...
ma ci sono un paio di cose che non capisco sul suo modo di porsi...

La prima e la più grave. Il cappello.

Non seguo la moda e magari quel cappello, indossato come lo calza, gli è stato consigliato e raccomandato da qualcuno che sicuramente ne sa più di me... Ma parliamone, è terribile!
L'effetto è quello di un'aureola, non di un cappello! Un santo vestito di nero in un'epoca di peccatori pagani?
Perché poi scatta il secondo dubbio, come mai a Sanremo è apparso come bello e dannato (mi ricordava tanto il lato femminile di LP, ma non prendetela come una critica, sono eterosessuale seppur con LP farei di tutto e il suo lato femminile, proiettato su un uomo, rappresenterebbe la perfezione per me.....) però ecco in questo video Ermal Meta mi sembra tanto Lurch, un po' più basso sicuramente e forse con una postura meno aristocratica ma... è lui! o almeno suo nipote!
Poi mi è venuto il dubbio, ma vedi mai che è stato inserito nel cast del musical che sta spopolando a Milano e io non ho fatto i giusti collegamenti... Intuizione sbagliata, Ermal Meta non fa parte del cast della famiglia Addams, la parentela è dunque solo casuale e non inclusa in una collaborazione professionale...

Ermal, se mi leggi, sei bello, giovane, hai dei capelli meravigliosi, lasciali vivere e vibrare, e se proprio vuoi metterti un cappello in testa scegli una cuffia che nasconde e forse è vero, fa un po' delinquente anonimo (ma poi tutti la usano) o se proprio vuoi andare su un cappello serio... non permettere che ti ridicolizzi e ispirati a chi l'ha saputo portare...

Rodolfo Valentino...
Johnny Depp
Leonardo DiCaprio
Totò e Peppino..
Robert De Niro, a cui non mancano i Borsalino....
Al Pacino...

Però a pensarci bene, forse Ermal Meta ha cercato di emulare proprio quello che è stato il suo partner di Sanremo, Fabrizio Moro. Bello anche lui, ma strano da capire. Si pone come anticonformista di sinistra ma poi lo vedi in certe foto che ammicca e sembra quasi essersi rifatto le labbra da quanto le gonfia nel simulare un bacio verso l'obiettivo... qualcosa non mi torna.
Però Ermal davvero, questo non è il modo di portare il cappello


A me moro 10 anni fa è piaciuto tantissimo, a vederlo ora, in pose platinate e con filastrocche già sentite e risentite (vero anche uno come Ligabue si ripropone musicalmente troppo spesso...) mi piace sempre meno.
Dacci una speranza Ermal, trova la tua strada, e che non sia attraversata da passaggi a livello politici, hai tutta la stoffa per affermarti come un grande big della musica, fallo... lascia pure a Moro il trofeo di Sanremo per cui tanto si è sbattuto, ne avrai altri e di alto valore perché la voce c'è tutta... facci vibrare con quella... ma di cappelli non hai bisogno, con quei capelli fantastici poi...

Questo è ermal meta senza cappello...
è così bello che i ricorda Jim Morrison...

E il video di vietato morire...


Concludo dicendo che secondo me questi due dovrebbero proprio fare almeno un duetto...

duetto tra LP e Metaermal meta e laura pergolizzi in duetto


stampa la pagina

Commenti