Smettere di fumare si può

Oggi è il primo gennaio 2016, e quanti di noi con l'anno nuovo si stanno ripetendo  le cose che si vorrebbero realizzare in questi 12 mesi, i sogni, i progetti ma anche i buoni propositi.... fare più sport magari, passare più tempo all'aria aperta e... ovviamente, smettere di fumare....
Se siete dei fumatori incalliti e avete trascorso il capodanno a fare festa con gli amici oggi avrete probabilmente una motivazione in più: quel senso di accaldamento e irritazione  alla gola e di nausea in bocca che sicuramente vi aiuterà per qualche ora a tenere a bada la dipendenza da nicotina. 


Smettere di fumare è possibile ma occorre una grande forza di volontà. Occorre sentire fortemente il desiderio di recuperare il potere su se stessi, abbattendo le dipendenze, per ricostruire un legame più forte e solido con il proprio io e il proprio corpo, scevro da ansie, tensioni, debolezze. Insomma nella decisione di smettere di fumare potrebbe esserci un forte desiderio di serenità interiore. Per altri la motivazione potrebbe risiedere nella compromissione della salute, e per altri ancora un buon incentivo potrebbe rappresentare nel risparmio di quanto non speso per sigarette ma spendibile in altro, perché   fumare costa molto...sia in termini di salute, sociali ed economici.

Se c'è stato un tempo in cui fumare era socialmente accettabile e incentivato da pubblicità, cinematografia e altri subdoli sistemi di pubblicità occulta oggi il fumatore non è visto di buon occhio. Molti hotel destinano le loro camere a una clientela di non fumatori, molte persone non amano sedersi o parlare vicino ai fumatori per via dell'odore acre di sigaretta che, involontariamente e inconsapevolmente, emanano. Anche gli abiti tendono a odorare di fumo, un po' come quando si passa una serata in una baita in montagna con un camino che però tira male... il giorno dopo  l'odore di fumo è così pesante e fastidioso da costringerci a gettare tutto in lavatrice. Questo accade anche con il fumo di sigaretta, solo che il nostro olfatto non è più così recettivo da rendersene conto. E non trascuriamo di menzionare l'alito... quanto è fastidioso sentirsi in bocca la pesantezza di tutte le sigarette fumate il giorno prima la mattina appena alzati, e poi durante il giorno nonostante frequenti lavaggi, risciacqui o gargarismi ci sono momenti in cui non desidereremmo essere baciati, e questo è un peccato... il fumo arriva addirittura a minare la nostra sicurezza sentimentale e a compromettere i rapporti con il partner.

Che sia per salute, per soldi, per benessere emotivo e fisico, se avete deciso di smettere di fumare potete farcela da soli oppure... chiedere aiuto a qualcuno o a qualcosa... Nelle aziende sanitarie vengono organizzati frequentemente attività e  gruppi di motivazione e sostegno per smettere di fumare, in commercio esistono prodotti che aiutano a sopportare meglio l'astinenza, gomme, cerotti, essenze, ma... il primo ingrediente per voler smettere di fumare è la determinazione nel voler realmente smettere di fumare. 

Sapere cosa succede al nostro corpo nel momento in cui abbiamo rinunciato ad accenderci una sigaretta aiuta a mantenere salda la decisione di continuare in questo percorso che, per una settimana almeno, sarà molto difficile.

Dopo 20 minuti il battito cardiaco si stabilizza la pressione del sangue  diventa regolare e la temperatura degli arti si normalizza. 

Dopo 120 minuti si inizia a smaltire da nicotina nel corpo attraverso l'urina.

Dopo 10 ore sale il livello di ossigeno presente nel corpo e dopo 24 ore si espelle completamente  il  monossido di carbonio.

Dopo 2 giorni dall'ultima sigaretta il gusto e il tatto tornano ad essere molto più sensibili, si apprezzano pienamente i sapori degli alimenti e si percepiscono molto più intensamente gli odori, tra cui ovviamente quello del fumo. Odore che se prima sarà una tentazione... nel giro di una settimana, se sapremo essere tenaci e determinati, diventerà un vero deterrente per accendere nuovamente una sigaretta. Anche l'aspetto della pelle e dei capelli iniziano il processo di miglioramento, e naturalmente anche l'alito ci farà riscoprire la leggerezza di risvegli più equilibrati.

Affinché i benefici sulla pelle, capelli e alito siano completi occorrerà qualche mese ma sarà davvero grande  la soddisfazione di vedersi allo specchio e constatarsi naturalmente con capelli più sani e forti, una pelle più  pulita e luminosa e narualmente denti e alito a prova di bacio.


Dopo 3 giorni la nicotina è stata completamente smaltita dal corpo, la capacità respiratoria diventa più ampia e bronchi e polmoni iniziano a normalizzarsi.  

Dopo 1 settimana il corpo risponderà con maggiore energia, sentiremo di avere più fiato, e il nostro umore inizierà a trarre i benefici della liberazione dalla dipendenza da nicotina: inizieremo ad essere più felici e soddisfatti, a vedere e gestire il tempo diversamente, a sentirci più liberi.

Dopo 3 settimane il nostro corpo inizia a riconquistare potere, fare le attività ordinarie e quotidiane ci risulterà più facile e meno pesante. 

Occorre un  mese per ricostruire l'epiteglio cigliato delle vie respiratorie, a questo punto inizieremo a sentire i benefici più incoraggianti nella nostra respirazione, nella nostra capacità polmonare e nella nostra voce.
Dopo un mese migliora anche la vita sessuale, la virilità maschile inizia a sentire importanti benefici dall'assenza di nicotina in corpo.

Smettere di fumare spesso implica anche un leggero aumento di peso: in parte per questioni psicologiche (riempire il tempo che prima occupavamo con le sigarette... facendo altro...) e in parte perché l'appetito e il gusto avranno tratto i primi immediati benefici. La fare di aumento e poi ritorno al normopeso dura circa 3-6 mesi

Per vedere sparire la tosse cronica del fumatore occorreranno invece dai 6 ai 9 mesi, periodo nel quale la nostra potenza polmonare si sarà accresciuta del 20-30%.

Dopo un anno anche il rischio di ictus o infarto cala sostanzialmente, con la nicotina avremo 
eliminato anche il pericoloso vasocostrittore che ristringeva le nostre arterie. 

Dopo 5 anni il rischio di cancro al cavo orale si abbatte del 50% e il rischio di ictus è equiparato a quello di chi non ha mai fumato.

Dopo 10 anni anche il rischio di tumore al polmone si abbatte del 40, 50%

Dopo 15 anni il rischio di malattie cardiovascolari o tumorali si abbatte così sensibilmente da arrivare quasi ai livelli di chi non ha mai fumato.

Smettere di fumare non è facile... ma si può. E a chi legge queste righe perché ha intrapreso questo percorso, e magari sta cercando una motivazione supplementare che lo tenga lontano da una sigaretta chiedo di lasciare un commento... scrivete da quante ore o giorni non fumate, scrivete le vostre motivazioni, lasciate un segno del vostro passaggio su questo post per fare capire a chi vi leggerà che smettere di fumare è possibile, 


stampa la pagina

Commenti

  1. L'assoluta, indiscutibile Consapevolezza in se stessi, è il metodo più grande per diventare un non Fumatore. Deve essere uno sforzo incessante per continuare nel mantenerla, perchè è il più alto e meritevole dovere se stai continuando a fumare. Per cui Smettere di Fumare adesso puoi, quindi fai la differenza qui: http://goo.gl/WTB0X6 ed è molto più facile!

    RispondiElimina

Posta un commento