domenica 6 febbraio 2011

In giro per Umbria e reatino


L’Umbria per le sue caratteristiche naturali, per il suo patrimonio storico artistico ed anche la sua posizione centrale è una delle regioni italiane più coinvolte dal turismo. Le località più note ed apprezzate sono ovviamente: Assisi, Perugia, Spoleto, Gubbio, Spello, Orvieto ecc..
Va però considerato che storicamente l’attuale provincia di Rieti per molto tempo fece parte dell’Umbria (la creazione della provincia laziale è infatti relativamente recente: 1923). Poi, come può essere noto, Foligno e Rieti si contendono di essere punti centrali dell’Italia…

Dopo aver visto ovviamente le cose principali può però essere un’idea quella di fare qualche capatina in monasteri e conventi. Questa è infatti la terra di San Francesco, ma anche di San Benedetto da Norcia. Quindi la spiritualità ha una sua bella tradizione.
Oltre alle mete ad Assisi ed immediate vicinanze ci sono ovviamente diversi altri antichi monasteri: dalla Badia di Petroia a quella di San Bartolomeo ed ancora l’abbazia benedettina al Subasio, quella di San Pietro in Valle, l’abbazia di Sassovivo nei pressi di Foligno ed altro ancora.
Tuttavia San Francesco ai suoi tempi si mosse in molte località ora nella provincia di Rieti e quindi nella zona sono spesso consigliati gli itinerari francescani. Ed al riguardo va ricordato che il primo presepe fu realizzato dal santo proprio a Greccio
Non sarebbe una cattiva idea vedere un po' di opere d'arte fra quelle meno note e in proposito segnaliamo la scheda affreschi in Umbria.
In questo contesto tappe significative possono essere Palazzo Trinci a Foligno e gli affreschi del Gozzoli a Montefalco.

Nessun commento:

Posta un commento